4.5.10

Through all Eternity


Un istinto impalpabile aveva ridestato il giovane cavaliere dal sonno profondo. Era ancora lì. In quella terra estranea ed infida. 
I suoi occhi cercavano una luce in un mondo in cui la sua stella si era ormai eclissata e così vagava nel buio alla ricerca di un piccolo bagliore. 
Troppo rancore. Troppa rabbia covava dentro il suo cuore. Il grande dipinto della sua vita iniziava a perdere colore... non restavano che immagini sbiadite in bianco e nero... 
Si muoveva a stento ed il sguardo assente era rivolto  verso la sua anima... ogni giorno si caricava di così tanti pensieri negativi che non aveva tempo di pensare il buono e di fare il bene. I giorni scorrevano inesorabilmente e portavano via con sé tutti i ricordi felici. Era rimasto solo un unico colore.
Il colore del mare, del cielo. 
Il colore del suo sguardo,  oceano profondo da esplorare. 
Tutto il resto era ormai opaco...
Il cavaliere guardava le sue mani e le vedeva invecchiare sempre di più... così prese l'ultima pennellata del  colore che restava e cercò di creare un nuovo mondo. 
Un mondo creato con l'unico colore rimasto. 
Un mondo blu.
Un mondo eterno. 
Lucente. Felice.