10.6.10

Studying forever...

L'università nuoce gravemente alla salute, può portare a malattie vascolari e/o infarti. Anzi la mancanza di poter studiare con calma e con cura tutto. 
La fretta divora ogni cosa... 
Gli esami ed i docenti che non dovrebbero essere docenti...
Ormai è scientificamente provato! Iniziamo da maggio ad angloamericanizzarci con la Costituzione ed i fantastici autori da leggere in così poco tempo... poi passiamo a Tedesco II che praticamente mi ha tolto venti anni di salute a ripetere a memoria tra Tiramisù, Manfred ipotetici, regola della virgola, doppi sensi.... e POI quando devo fare l'esame la mia temperatura corporea raggiunge i livelli dell'ebollizione! Non esiste un modo per cambiare le cose. Non si può studiare senza questa eterna ansia che ci portiamo dalle scuole. Mooo basta...
Nel frattempo, aspettando che il mondo cambi, soffri come un cane Giuseppe perché quarantotto ore dopo avrai l'esame di Inglese II e devi studiare i 20.000 phrasal verbs, l'assonanza vocalica ed i passivi basati sulla regola standard (il motore viene riparato...). E così altre sei ore a perdere neuroni tra delfini esauriti, rivolte Mcdonaldiane e perdite di bagagli! Ma non è finita qua... Lunedì  filologia e guarda caso la mia voce se n'è andata insieme alla mia voglia di studiare. Il mio cervello si sarà messo in contatto con le corde vocali per chiedere gentilmente di smettere di funzionare affinchè io salti gli esamiii....