25.9.10

Questione numerica irrazionale

Cercò di leggerla ad alta voce... Quella sequenza ormai era sua. Nessun altro al mondo si è fermato a considerare quella semplice lista numerica. Ogni numero condensa una parola composta da un totale di lettere espresse dall'unità... Una struttura semplice per esprimere in una frase la totalità dell'essere. Erano dei semplici numeri eppure aveva imparato a sopportare quel dolore... ormai decise di restare impassibile e in silenzio, ad aspettare che fosse troppo tardi per riconciliarsi (se mai questo fosse stato possibile), aspettare che quella vecchia paura apparisse dal nulla e se ne andasse via lasciando quel vuoto ormai lapalissiano... aspettare che tutto finisse, aspettare che lei volasse via per la sua strada. Magari te lo dirà in un'altra vita quando le cose saranno diverse, quando non ci sarà più quel rancore celato da un sorriso ormai spento... Ma per adesso non restano che dei semplici numeri... E per quanto si sforzi di mostrare la bontà... lei vedrà ormai solo cattiveria...
Perché desiderare qualcosa se non potremo mai più riaverla? Il tempo distrugge ogni cosa... E proprio come due numeri dispari per quanto ci si sforzi a toccarsi... ci sarà sempre un numero pari in mezzo a bloccare la strada... Lei resterà sempre al primo numero (1°) anche se un giorno questo primato deciderà di andar via... deciderà un numero adiacente...deciderà un numero pari...

12.9.10

The Genesis - La favola di Adamo ed Eva - The real one

Mi sono sempre chiesto cosa ci fosse prima della Creazione della Terra....
Immagino che Lui fosse solo e non aveva paura del buio, dato che la luce ancora doveva inventarla. Non poteva scongelarsi le olive ascolane perché la cucina non c'era, nè vedersi una puntata di Beautiful dato che il televisore doveva ancora crearlo. Allora visto che non poteva nemmeno giocare con l'iphone preso dalla noia decise di sfruttare la sua inventiva.
Iniziò con la luce... solo dodici ore al giorno, altrimenti la bolletta sarebbe stata così cara da sfrattarlo dall'intera galassia. Poi passo ai pianeti e alle piante... Poi creò animali che stavano sempre zitti e pensando un pò disse "questo è muto come un PESCE" ed inventò i pesci.
Dopo sei giorni a passare a lavorare sulla flora e fauna Dio creò la sua opera più perfetta: ME! (oopss ho sbagliato storia) Creò l'uomo, gli staccò una costola [errore di traduzione!!!] e ideò la donna. Questi due individui potevano mangiare di tutto: pesce, carne, kebab, pasta 'ncaciata, ma le mele di UN albero NO! Così, furbamente, i due disobbedirono... *applauso*
[ solo gente di un certo livello poteva andare a mangiare "quelle" mele e sfidare l'ira di Dio, in fondo avevano soltanto la massima felicità che si potesse mai desiderare...]. Ahhhh ma poi c'é anche il serpente [altro errore di traduzione]
Così a causa di due cleptomani tutta l'umanità subì le conseguenze.
Per due sole persone l'intero mondo, miliardi e miliardi di persone sono diventate peccatori/tri...
#kidding #right?

La dobbiamo smettere di credere a qualsiasi elefante volante ci venga propinato in cielo. Adamo ed Eva hanno un simbolismo molto più profondo della semplice storiella raccontataci in chiesa. Essi sono la metafora della nascita della libertà d'arbitrio! L'uomo acquisisce il sapere attraverso l'albero della conoscenza ed inizia il suo percorso di vita sulla terra. Uomo e Donna sotto gli influssi chiamati luciferici devono provare l'esperienza della libertá... Sta a noi scegliare da che parte stare...

L'ultima stagione - Don Robertson

Ricevere in dono un libro è davvero un momento speciale. Magico. Felice. Un libro ha la potenzialità di attraversare le parti più prof...