22.6.11

Session 3 - part 3 -

Nella seduta successiva il paziente sembra essere calmo, immune da qualsiasi sentimento e così Thompson elide la ogni singolo approccio personale, non tenta neppure di far calmare il paziente ed inizia a tartassarlo di domande.
"Voglio sapere cosa e' successo!" disse lo psicologo
"Non e' successo niente"
Era difficile restare indifferenti allo sguardo di Kevin. Sembrava essere privo di ogni sentimento, esente da qualsiasi mutamento animico.
"Cosa e' successo?"
"Di cosa stai parlando?"
"Fino a qualche settimana fa eri impaurito e continuavi a toccarti la pancia"
Il volto di Kevin mostrava confusione.
"Chi e' Asark?"
"Asark? Non conosco nessun Asark..."
"Vuoi sentire la registrazione...Vuoi ascoltarlo con le tue stesse orecchie"
"Non ho idea di cosa stia parlando dottore"
"Voglio parlare con Asark"
"Qui non c'è nessuno"
"Fammi parlare con Asark"
Improvvisamente il paziente inizia a divincolarsi e a mostrare tic negli arti inferiori. Il collo si storse velocemente verso destra e i suoi occhi presero a lacrimare. Dalla bocca cominciava ad uscire una sorta di bava coagulata. Lo psicologo si fermò ad osservare.
" Ciao Thompson" una voce stridula ed aspra proveniva dal ventre del paziente.
Thompson per un secondo vacillò.
"Chi sei?"
"Chi sono? Sono te... sono loro... sono essi..."
"Non capisco! Cosa ci fai..."
"Non intrometterti dottore... Quest'anima è mia!"
"Chi sei?"
"NON INTROMETTERTI DOTTORE"
La tonalità della voce sembrava aumentare di potenza e volume... Si spense la corrente e il paziente saltò addosso al dottore.
"Lasciami andare Kevin"
Le mani del paziente stritolarono il braccio destro di Thompson.
"Arghhhh... Uno..."
"Dottore Dottore... dov'e Kitty? Hai abbandonato la tua Kitty"
Come faceva a conoscere la mia Kitty? pensò Thompson che si liberò dalla stretta dell'invasato.
"Due...."
"Voglio conoscere la tua anima dottore".
"TRE!"
Il paziente cadde a terra. Il dottore presentava uno strano graffio a forma di stella.

19.6.11

Session 2 - part 2-

Nella registrazione della seconda audio-cassetta c'erano state varie interruzioni causate da diversi fattori. Alcune parole erano state sovrapposte ad altre e buona parte del discorso sembrava disconnesso.  
Così la polizia lesse il dossier scritto dallo stesso Thompson sul paziente - l'esatto contenuto del nastro.


07 Luglio - ore 16. 35 

Il paziente Kevin Hudson continua a ripetere frasi senza alcun senso. 
Agghiaccianti...
Vorrebbe mostrarmi tutto ciò che vede o sente, ma in un certo qual modo ha paura.  
Per adesso preferisco  mantenere le distanze dal punto di vista clinico e cercare di concentrarmi unicamente sulla sua fiducia.
Oggi abbiamo parlato delle sue attività preferite e di come trascorre il tempo durante le sue lunghe settimane lavorative. Tutto appare chiaro e semplice... ma...
Improvvisamente cambia.
Qualcosa scatta dentro di lui e tutto inizia a confondersi e miscelarsi...
Continua ad avvertire uno strano dolore nella parte bassa dell'addome e molte volte si auto-infligge con la mano per cercare di fermare qualcosa.  Non voglio azzardare ipotesi affrettate, ma il soggetto in questione potrebbe presentare alcuni elementi che riconducono all'epilessia, comprendenti diverse personalità che sembrano celarsi dietro gesti inconsulti e tic improvvisi.
Dovrei iniziare ad ipnotizzarlo? O forse e' una terapia troppo prematura?
Sentivo una certa aura circondarlo e mi faceva venire i brividi.
In questo secondo incontro non faceva altro che ripetere "Asarck" e molto probabilmente era una delle  personalità del paziente...  
Dopo aver risposto alla domanda "qual'è il tuo colore preferito?" (giallo canarino) si e' fermato un attimo a guardare il muro e subito dopo ha iniziato a gracchiare la voce e ripetere una frase in latino aumentando di volta in volta il tono della voce.
"Ego te intus et in cute novi"
"Ego te intus et in cute novi"
"Ego te intus et in cute novi"
"Ego te intus et in cute novi"
Il bicchiere di vetro accanto a lui scoppiò, molto probabilmente per la fragilità e vecchiaia di quelle reliquie. E' assurdo pensare che una persona che non possedeva neppure il diploma conoscesse il latino. Sicuramente qualcuno in famiglia ripeteva quelle parole o ipotesi ancor più probabile, lette da qualche parte. 
Gran parte del tempo rideva.
Non appena iniziavo a porre qualche domande sul suo passato iniziava a colpirsi lo stomaco e chiedere aiuto. 
Nel prossimo incontro devo assolutamente scoprire l'evento scatenante di tutto ciò.

17.6.11

Session 1 - part 1-

Richard Thompson. Data del decesso: 17 Ottobre 2012

Noto psicologo scompare la sera del suo compleanno in misteriose circostanze. 
Nel corso della sua lunga carriera lavorò per circa dieci anni nell'ospedale psichiatrico della cittadina di Huston e iniziò ad esercitare la professione nel marzo del 1998.
Era riuscito a laurearsi con il massimo dei voti in breve tempo, trasferendosi poi in America dove si aprì uno studio privato. Tutti lo stimavano, tutti lo consideravano un perfetto esempio di rettitudine e fortezza morale.  Poco dopo decise di lavorare presso un ente rinomato per avere maggior successo. 
Tutto sembrava essere perfetto. O almeno così sembrava...
Improvvisamente qualcosa cambiò nell'estate del 2012...
Accadde una metamorfosi Hydiana. Nel giro di poche settimane tutto si distrusse. 
Dissolto per sempre...
Il corpo inerme venne ritrovato dalla vicina di casa, poche ore dalla morte da quanto affermano gli studiosi del caso. Nel giro di pochi giorni dichiararono la causa del decesso.
Infarto...
Dopo tre settimane dalla sua morte, la polizia trovò uno scatolone nel suo studio contenente 10 audiocassette e diversi file relativi al suo ultimo paziente.


File 356 #sessione uno / Kevin Hudson...
- i primi dieci minuti contengono semplici informazioni biografiche e/o di vita passata -

"Lei mi capisce, dottore?"
"Continui a darmi del lei Kevin? Mi chiamo Rich santo cielo!"
"Mi scusi... ah.. volevo dire scusa!"
"Bene...continua pure..."
"Mi capisci, vero?"
"Non riesco a focalizzare il problema..."
"Non riesci a vederlo perché... perché non lo senti!"
"Cosa dovrei sentire?"
"Il dolore... allo stomaco. E' così distruttivo e costante. Sembra avere sempre un coltello dentro. Giorno dopo giorno. Notte dopo notte... e mi lacera dentro..."
"Potresti cercare semplicemente di non pensare a quel dolore Kev?"
"Non posso continuare così dottore... rischio di diventare pazzo"
"Calmati, calmati... prova a spiegarmi i motivi di questo dolore? Da dove proviene"
"Sto impazzendo... inizio a tremare di nuovo cazzo!"
"Kevin adesso voglio un bel respiro profondo. Cerca di focalizzare sull'origine e raccontami tutto dall'inizio altrimenti non posso aiutarti"
"Ah... si... Non so bene neppure da dove iniziare. Sò soltanto che appena improvvisamente avverto questo dolore e non se ne va piu uh... uh... Ho ripreso a bere, a fumare, a non dormire la notte. Cazzarola che dolore dottoreeee mi aiuti... riesco a sentire il dolore dentro la pancia... " *tum tum*
"Kevin non prenderti a pugni lo stomaco"
"Devo dottore! Devo! Altrimenti esce"
"Così ti fai male! Fermati cosa stai facendo??"
"Devo controllarlo. Devo fermarlo altrimenti se prende il sopravvento..."
"A chi devi fermare? Cosa accade se prende il sopravvento"
"Ahhhh.... che dolore... non riesco a resistere... e' troppo forte... ti prego aiutami non riesco a resistere"
"Kevin smettila di picchiarti lo stomaco! Ritorna alla storia non pensare allo stomaco!
"Ahhh... si..."
"Dimmi cosa ha causato tutto questo? Dimmi l'origine"
"Ahhhh... non voglio... non... non posso"
"Perché non puoi Kevin? Siamo qui solo io e tu. Dimmi tutto"
"No... si sta avvicinando... Aiutami ti prego!"
"Chi si sta avvicinando chiiiii????"
"Aaaaaaah... ogni giorno ritorna... bastaaaa... non riesco a sopportare più questo dolore non passerà mai, mai mai, maiiii e accadranno cose peggiori e poi e poi aumenterà e poi e poi sentirò ancora più doloreeee bastaaa"
"Kevin ti sta uscendo sangue dio santo... Al mio tre batterò le mani e tu ti sveglierai"
"La prego come devo fare... Io... bisogno.....non acc.. ... mai....e quin..."
"Uno..."
"Vo... qu... ied.. al... es..."
"Due"
"... an... a me... no..."
"Tre"



10.6.11

Scipta manent...

Potevo mai pensare che nel giro di tre giorni facevo dieci ore di esami scritti... 
Mi sono ritrovato a tradurre Vulcani che balzano all'occhio per la strabiliante bellezza, giovani ragazzi indipendenti che vanno via di casa a cercare di trovare un appartamento e oasi verdi circondanti città straniere...
Inoltre ho combattuto per cercare di fare quelle dodici domande di quel santo testo letterario di cui disconoscevo quasi il significato del titolo della poesia e centinaia di ascolti tra incontri di persone e commerci tedeschi.
Per non parlare dei temi... "Scrivi un saggio sull'amore" -.-
Ma alle 13.40 di Giovedì 10 Giugno nel bene o nel "male" ho finito gli ultimi scritti di lingue
 - sperando di non doverli ripetere a settembre -
*prega in lappone danzando al vento sacrificando qualcosa* (?) -
Per festeggiare ho mangiato la focaccia con mia mamma (quella che piace a lei) per festeggiare il mio 2° esame fatto (ancora da vedere se superato... dettagli) :D
Wyatt non fa altro che mangiare, voracemente tra l'altro, e fa avanti indietro aspettando carote, lattughe, fieno... insomma di tutto vaH 

Obiettivi di vita della prossima settimana:
- Filologia Germanica Tedesca (Angst)
- Primo bagno in una qualsiasi spiaggia di qualsiasi mare...
- X- Men L'inizio (ma non mi dispiacerebbe rimanere anche per la fine) 

Obiettivi di vita del prossimo mese:
- Max 1 Zigarette pro Tag zu rauchen...
- Fare ordine in questa stanza disastrata...
- Sistemare sto tatuaggio...

Da domani, post- granita e post-sole si continua a studiare... studiare... studiare
CHE AMAREZZA!!!!

4.6.11

Nato 23 anni fa...


...tum tum... ...tum tum...

ore 09.30 (04/06/2011)
Mi alzo e scappo a "scofanarmi" (in tedesco moderno = fressen) a Cristo Re tra granite al cioccolato con panna e cornetti ripieni alla marmellata...
In tutto questo inizio a studiare e ripetere fino alle 13.00. 
Il mio cervello implorava pietà ma non potevo permettermi di essere clemente...
"Studia brutto bastardo" mi auto-ripetevo...

ore 16.30 (04/06/2011)
Cinema Time a vedere ESP, cercando di dare un senso a quell'acronimo e capire il motivo per cui  ogni cinque minuti si ripeteva la parola "cazzo"

ore 20.00 (04/06/2011)
Parappappapaa I'm loving it...
Si va a Mangiare al Mc Donald e oltre al bicchiere VERDE della Coca Cola mi ritrovo un Busunako in mezzo ai piedi *___*

ore 21.38  (04/06/2011)
Entro a casa e vedo nella mia stanza un velo che copre una parte dell'armadio. Una grande scritta rimata con il mio nome inciso e poi... sento dall'interno un piccolo rumorino...
Eh si... Era lì... Il mio desiderio primaverile...
Un coniglietto biancherrimo/sbrilluccicoso/ducitto/morbidoso/pallottoloso *___*
*sviene*
Non appena riprende i sensi salta addosso alla cognata e al fratello.
Prende acqua santa e battezza subito "wyatt

ore 22.30 (04/06/2011)
Dopo aver venerato il neo componente della famiglia si fa una partita ad UNO ed inizio a raggiarmi contro tutti gli avversari :D

ore 00.00 (04/06/2011)
Modestamente io vah! 
*parte il jingle*
Tanti Auguri a me
Tanti Auguri a me
Tanti Auguri a me medesimooo
Tanti Auguri a meeeee
*applausi*

Discorso!!! Discorso!!! Discorso!!! 
-cerco di essere serio (?)-
Molto probabilmente sembra banale dirlo... ma...
Ogni volta che compio gli anni mi accorgo
... non della mia vecchiaia che incombe su di me come un falco che tenta di afferrare la sua preda....
...bensì mi soffermo su tutte le persone che hanno reso gli altri 363 giorni davvero speciali...
Non aspetto questo giorno per andare a festeggiare chissà dove o sperare di ricevere regaloni assurdi (anche se quelli non dispiacciono mai after all) :D
Non sto qui a cercare di fare una lista con tutti i vostri nomi, cognomi e codici fiscali... 
Ho sonno e sicuramente tralascerei qualcuno perché il mio cervello non e' capace di catalogare tutti i files che possiedo in quella piccola materia grigia che mi ritrovo. 
Ma ognuno di voi conosce benissimo il posto che occupa nel mio heart°
Non ha nessun bisogno di leggerlo qui o di supporlo. Lo sà!
Ognuno di voi sa quanto cazzarola gli/le voglio bene!
Considero un compleanno un giorno speciale che uso come punto di riferimento per fare una sorta di bilancio aziendale annuale. Per vedere se i vecchi prodotti  degli anni trascorsi si riconfermano, si migliorano,  si rimodernizzano  o se se ne sono aggiunti di nuovi. 
E questo giorno quindi mi fa ricordare di quanto sia bello avervi accanto e sperare che nei futuri compleanni nulla cambi e tutto resti così perché davvero non saprei come fare senza di voi...
Un vostro sorriso, una pacca sulla schiena, un gesto d'affetto, un pugno, un insulto... 
Ogni vostro singolo gesto resta scolpito qui... 
*punta con l'indice una zona vicino al petto*
Mi basta svegliarmi la mattina e sapere che in questa pazza terra ci sia qualcuna/o che ci tenga a me...
Mi fa star bene...

Detto questo...
Due postille: 
ENTRAMBE ESSENZIALI...
a) se non mi fate gli auguri e/o regalo vi cancello  totalmente dalla mia vita de-followandovi da tutte le parti e non accetto alcun tipo di scusa banale della serie "ah veroooo.. me lo sono scordato", "ah credevo fosse giorno 6", "ah ero impegnato a salvare l'umanità cercando di creare un vaccino contro questo batterio"... neanche sotto firma dei genitori;

b) seconda cosa da fare... come minimo dovete farmi esaudire un desiderio a persona a mia  sola ed unica scelta senza dire di no, qualsiasi esso sia incondizionatamentacciamente! o come terza opzione se la precedente non vi garba potete  anche fare un accredito di  soli 10000 euro sul mio conto corrente bancario (pagabile anche in più parti).

Posso coricarmi e dormire da 23 enne adesso...
Notte #offline...







2.6.11

Tree of Life...

In un unico cinema di Messina veniva proiettato questo unico film con un'unica sala dove tra l'altro la speranza media di vita dei presenti non superava i 10-15 anni. 
Ho detto troppe volte "unico"??? anyway...
Ancor prima di iniziare tanto per dare un pò di colore alla serata i geni del locale mettono un sottofondo musicale classico depressivo, che quella dietro di me stava quasi per piangere. 
Alla mia  sinistra c'era uno strano tizio che continuava a fissare i sedili e a muoversi come se fosse impostato in modalità rallentatore.
A destra, due donne  parlavano di cibi scadenti e di come superare la prova costume quest'anno...
Dopo 10 minuti di pubblicità strane (come guadagnare soldi rivendendo la propria pelliccia, gioielli gucci con veloci (?) sconti a basso prezzo ) inizia questo film.
E' bello.
Decisamente bello...
Ma per chi fosse depresso lo sconsiglio vivamente perché esce da quel cinema e si getta con una pietra intorno al collo da un ponte. 
Se il ponte non ci dovesse essere, prende un mezzo di trasporto, và nella città più vicina con un ponte e si lancia!
In sintesi la storia e':
- la madre è la "pezza" di 3/4 del cast;
- il figlio (A) ha strani problemi vocali e sembra essere uscito da un film horror;
- il figlio (B) assomiglia al pargolo della teteschia;
- il padre era esaurito e pazzo;
- il soundtrack molto probabilmente uscirà in CD con il titolo  "Sono depresso, mi taglio le vene"
- la frase più brutta e' stata "Dio ti prego uccidilo!"
- Ogni volta che la voce fuori schermo parlava e diceva "Padre" o "Madre" passava mezz'ora per il seguito della frase
Il film nel suo complesso non aveva senso... beh...
Cioè forse ce l'aveva, ma io non l'ho afferrato appieno!
Erano belli i panorami della natura, le scene in cui si passava da un cimitero ad un altro cimitero -.-
Anche perché da come l'ho capito io il finale e lo scopo di tutto il film e'...
-SPOILER-
-SPOILER-
-SPOILER-
-SPOILER-
-SPOILER-

...vivere la vita amando perché poi muori, quindi quanto vale passare la vita ad amare al posto di odiare.
E lo scopo della vita e' morire, andare in quella specie di spiaggia dove tutti erano a piedi nudi e ridevano senza alcun motivo apparente, o piangevano (?) mentre si faceva buio e non c'era neppure l'enel che riusciva ad attaccarti la luce facendo due semplici buchi sulla sabbia con le dita!


Adesso vi lascio nel vostro mondo, come disse quel bambino (A)...
(dai problemi seri di cui vi parlavo prima)
"Un giorno cadremo e verseremo lacrime, e perderemo tutto... ogni cosa cambia, nulla resta uguale"




L'ultima stagione - Don Robertson

Ricevere in dono un libro è davvero un momento speciale. Magico. Felice. Un libro ha la potenzialità di attraversare le parti più prof...