19.6.11

Session 2 - part 2-

Nella registrazione della seconda audio-cassetta c'erano state varie interruzioni causate da diversi fattori. Alcune parole erano state sovrapposte ad altre e buona parte del discorso sembrava disconnesso.  
Così la polizia lesse il dossier scritto dallo stesso Thompson sul paziente - l'esatto contenuto del nastro.


07 Luglio - ore 16. 35 

Il paziente Kevin Hudson continua a ripetere frasi senza alcun senso. 
Agghiaccianti...
Vorrebbe mostrarmi tutto ciò che vede o sente, ma in un certo qual modo ha paura.  
Per adesso preferisco  mantenere le distanze dal punto di vista clinico e cercare di concentrarmi unicamente sulla sua fiducia.
Oggi abbiamo parlato delle sue attività preferite e di come trascorre il tempo durante le sue lunghe settimane lavorative. Tutto appare chiaro e semplice... ma...
Improvvisamente cambia.
Qualcosa scatta dentro di lui e tutto inizia a confondersi e miscelarsi...
Continua ad avvertire uno strano dolore nella parte bassa dell'addome e molte volte si auto-infligge con la mano per cercare di fermare qualcosa.  Non voglio azzardare ipotesi affrettate, ma il soggetto in questione potrebbe presentare alcuni elementi che riconducono all'epilessia, comprendenti diverse personalità che sembrano celarsi dietro gesti inconsulti e tic improvvisi.
Dovrei iniziare ad ipnotizzarlo? O forse e' una terapia troppo prematura?
Sentivo una certa aura circondarlo e mi faceva venire i brividi.
In questo secondo incontro non faceva altro che ripetere "Asarck" e molto probabilmente era una delle  personalità del paziente...  
Dopo aver risposto alla domanda "qual'è il tuo colore preferito?" (giallo canarino) si e' fermato un attimo a guardare il muro e subito dopo ha iniziato a gracchiare la voce e ripetere una frase in latino aumentando di volta in volta il tono della voce.
"Ego te intus et in cute novi"
"Ego te intus et in cute novi"
"Ego te intus et in cute novi"
"Ego te intus et in cute novi"
Il bicchiere di vetro accanto a lui scoppiò, molto probabilmente per la fragilità e vecchiaia di quelle reliquie. E' assurdo pensare che una persona che non possedeva neppure il diploma conoscesse il latino. Sicuramente qualcuno in famiglia ripeteva quelle parole o ipotesi ancor più probabile, lette da qualche parte. 
Gran parte del tempo rideva.
Non appena iniziavo a porre qualche domande sul suo passato iniziava a colpirsi lo stomaco e chiedere aiuto. 
Nel prossimo incontro devo assolutamente scoprire l'evento scatenante di tutto ciò.