22.1.12

Il quarto frammento

Hands over my head thinking what else could go wrong? 
Would've stayed in bed, how can a day be so long?


La prima volta fu tre o quattro anni fa, quando mi diressi alla Fortezza con un pezzo di carta ed una penna. Iniziai a descrivere ciò che ardeva dentro il mio cuore narrando quell'impulso costante che mi opprimeva il petto divenendo una parte di me. Consegnai quel frammento di anima alla persona che un tempo amavo e consideravo perfetta. Una luce verde si sprigionò nell'aria che venne risucchiata dal foglio di carta.

Mi sentivo più potente. 
Avevo il fuoco nella mani...
Ero dio.

Never believed that things happen for a resin, 
but how this turned out, you moved all my doubts,


Ovviamente mi sbagliavo. Non appena consegnai la lettera accadde qualcosa.  Venne distrutta con un tale impeto che riuscì a sentirla! Il mio cuore iniziò a battere forte ed una strana sensazione mi avvolse totalmente. Credetti di morire poiché avvertì un dolore così forte che si ripercosse in tutto il corpo.
Mi ripromisi di non frammentare la mia anima ancora. Non volevo riprovare ancora quel dolore.

believe that for you I'll do it all over again
do it all over again...


Ho vissuto molto tempo lontano da tutto quello che poteva distruggermi e credetti che forse potevo condividere di nuovo altri frammenti del mio cuore. A distanza di pochi mesi frammentai per due volte la mia anima, staccandone pezzo pezzo e riponendoli nuovamente in due piccoli oggetti. 

All I went through, led me to you
so I'd do it all over again... 
For you..

Sebbene non siano stati ancora distrutti, sento la loro lontananza e questo mi brucia ancora... Ricordo ancora quando ho trasferito me stesso in quegli oggetti. Ma non importa. Uno dei due è ancora vivo... L'altro inizia pian piano a svanire. Ormai mi sto abituando a tale fardello.  Non posso sapere se, e quante volte  l'oggetto si trova nelle mani o meno della persona a cui l'ho consegnato dato che non posso controllare come se fossi un occhio onnipotente.  Ciò che ricordo con esattezza è quel bruciore della prima volta, che continua a ripetersi negli anni, frammento dopo frammento. Quando svanirà anche quello tornerà il tormento. Adesso sono seduto nella mia stanza ad osservare e pensare. Scrutare ciò che ho davanti i miei occhi. Vorrei essere lì in questo momento e vorrei guardarti negli occhi... entrare nella tua testa... entrare nel tuo cuore e leggere ogni verità celata e poterti baciare...
Perché  se ne valesse  la pena rischiare, io mi giocherei anche l'ultimo frammento di cuore...
Il quarto ed ultimo frammento...