2.2.12

Die Wand

Duecentocinquantasei pagine di pura noia! Ecco cos'è la parete!
Il testo contiene spoiler sul finale! (nota dell'autore)

Trama

Una donna di mezz'età  decide di visitare la cugina in una località alpina,  sperando di poter trovare Heidi e le caprette parlanti. Non appena si ritrova in mezzo a tutto quel verde non si smuove più dal prato e resta a giocare con i petali delle margherite. Un giorno, dopo che la cugina e suo marito vanno in città avviene un evento. L'evento! L'unico evento! T.T
Una misteriosa parete compare dal nulla e avvolge l'area in cui si trova la donna che non vuole svelare il suo nome. Secondo me si chiamava Genoveffa e per vergogna ha deciso di omettere il nome battesimale datogli a causa del solito discorso "Devi avere il nome di tua nonna!"
Incomincia così l'avventura della nostra eroina che assiste al parto di una gatta e di una mucca e a momenti mi aspettavo che qualcuno cantasse la canzoncina dello zecchino d'oro "nella vecchia fattoria". 
Coltiva, munge, si deprime, si scaccola, si diverte con il cane (eh eh eh... seh! si diverte...) e alla fine arriva dal nulla un cacciatore che ammazza mezza fauna! Poi lui muore. E lei... boh! Continua a vivere dentro la parete senza più avere il cane con cui giocare... (eh eh eh seh! giocare...)

Commento

Ripete sempre la stessa giornata, con l'aggiunta di qualche piccolo particolare. :D
Oggi fa caldo. Oggi non ho voglia di muovermi. Oggi ho le mestruazioni. Oggi ma what the fuck!!!
Noioso. Ripetitivo. L'incipit andava bene, ma dopo le prime 70 pagine il testo inizia a stancare