27.2.15

L'ISMETT rischia di chiudere! Ribelliamoci a questa vergogna italiana...

L' ISMETT è il primo ospedale in Italia costruito con lo scopo di promuovere le attività di trapianto e cura delle insufficienze terminali di organi vitali. Rappresenta quindi una fonte di salvezza per tutti coloro che necessitano aiuto. Un vero e proprio faro di luce che illumina il Mediterraneo. Nel corso dei suoi quindici anni di attività questa grande struttura  ha portato in Sicilia una tecnologia molto avanzato,  curando oltre 50.000 pazienti. 

Tale struttura rischia di chiudere se entro il 31 marzo non verrà rinnovata la convenzione tra la Regione Sicilia e l'University of Pittsburgh Medical Center, scaduta lo scorso dicembre. Finito il periodo di sperimentazione (2014), gestito dalla UPMC, l’ISMETT diventa centro di ricerca e cura. Per tale motivo la legge prevede che il centro debba essere incardinato nella sanità pubblica. 
Tuttavia la sanità non vuole pagare perché il costo del mantenimento è troppo alto. Tuttavia è importante sottolineare il fatto che stiamo parlando di un istituto potenzialmente utile a tutta l’Italia, non soltanto agli abitanti della Sicilia! 
La sanità pubblica deve fare qualcosa!  Bisogna trovare un accordo! bisogna trovare/creare una legge che consenta tale investimento o lasciare totalmente la gestione alla UPMC.
Indubbiamente l'efficenza di questa struttura può dar fastidio a tutti quei medici che non hanno nessuna vocazione alla professione. Ormai esiste questa assurda educazione di accumulare denari e sfruttare le malattie altrui per incrementare l'economia persona. Sempre più medici raccomandati ed incompetenti nel settore. Sempre più morti per cattiva sanità! L'ISMETT funziona bene! Perché chiuderlo?
Dobbiamo tutti protestare! Bisogna supportare questa causa per tutti quelli che ne hanno bisogno e  supportarla perché siamo tutti italiani. 
Non restiamo indifferenti! 

Sono già iniziate le raccolte firme:
- Ogni mattina presso l’ospedale di Palermo dalle 9:00 alle 12:00 è possibile firmare la petizione in aiuto della struttura. Tale petizione è attiva anche a Castelvetrano, al piano terra dell’ospedale Vittorio Emanuele II, nell’ufficio ASTRAFE Palermo, tutte le mattine dalle 9:00 alle 12:00;
-  In questo sito potrete firmare la petizione. Firma la petizione.

Bisognerebbe estendere una raccolta firme per ogni città!
#wewantismett